Il poeta Nicola di Bari Vecchia

Un giorno passaggiavo per le vie del Borgo antico della città di Bari, Bari Vecchia. Incontrai un signore che sembrava sussurrare agli edifici, al cielo e a tutto ciò che lo circondava. Era il poeta Nicola, che mi disse:

“una piazza un volto mediterraneo, un sorriso solare una rosa di mare

una cortese e breve conversazione

bella la musa e la parola si fece poesia dinanzi a tanta muliebre bellezza

le note nell’aria di un violino andaluso mentre la colomba bianca si posò sulle sue spalle e le sussurrò buona fortuna gentile e primaverile deborah

le mando 33 orchidee di parole quanti sono i suoi giovanili e affascinanti anni

buona  giornata

saluti floreali

nicola”

Non ho più incontrato Nicola ma le sue parole sono rimaste impresse nella mia mente, come fosse ieri. Il mondo avrebbe bisogno di molti bastoni ma anche di altrettanti Nicola.